Dashcam nuova in auto

Già da diversi anni ho installato in auto una dash cam che come saprete se conoscete il termine Dash cam riprende tutto quello che succede davanti alla mia vettura così da poter avere sempre a disposizione un testimone oculare imparziale ma preciso che possa aiutarmi in caso di controversie per un sinistro, sia che io abbia ragione sia che io abbia torto.

Tra l’altro non più tardi di novembre scorso ho installato una dual dash cam anche sulla mia moto, prodotto che ho recensito qui e che trovo davvero molto valido e comodo.

Pochi giorni fa, mentre usciva dal posteggio della scuola, mia moglie alla guida della nostra Honda Jazz è incorsa in un piccolo sinistro stradale, una signora ha aperto la portiera e non si è avveduta dell’arrivo della nostra Honda e ha urtato lo specchio destro lato passeggero danneggiando la calotta esterna (per fortuna il danno era minimo).

Dopo aver chiesto scusa la signora alla guida della vettura di controparte si è allontanata per accompagnare il figlio a scuola e al ritorno alla vettura ha iniziato a tirar fuori scuse per evitare di addossarsi la responsabilità del danno causato. Fortunatamente la telecamere era lì in bella mostra e aveva ripreso tutto, dopo averglielo fatto notare mia moglie è riuscita a farsi dare qualche dato e successivamente ottenevo l’impegno da parte della signora a saldare il danno che comunque ammonta a € 110,00 (ahimè i ricambi Honda non sono proprio economici).

Tutto questo per ribadire l’importanza di questo prodotto in auto, ora era già qualche tempo che volevo fare un upgrade alla dash cam della nostra auto che onestamente non brillava per qualità e proprio 3 giorni prima dell’incidente avevo ordinato una Yi Smart Dash Camera da Aliexpress per soli 31 euro spedizione compresa.

YI Smart Dash Camera fonte Aliexpress

Il prodotto in se si presenta con una confezione davvero carina e curata, completa di un cavo di circa 3 metri di lunghezza con ingresso USB tipo A e micro USB con un angolo di 90° perfetto per il collegamento alla dash cam, un supporto adesivo per il vetro, una presa usb da accendisigari con una singola uscita a 5 v e 1.000 mA ed infine un piccolo ma completo manuale multilingua comprendente anche le istruzioni in italiano.

Purtroppo il cavo è diverso da quello che utilizzavo in precedenza e quindi ho dovuto ripassare lo stesso all’interno della tapezzeria della vettura sul tetto fino al montante, lungo la guarnizione interna lungo il montante, dietro il cassettino inferiore fino ad arrivare alla presa accendisigari già dotata di uscita USB presente dietro il cambio. Operazione che onestamente mi ha portato via poco più di 5 minuti di orologio e che consente di godere di un’installazione pulita e decisamente poco invadente.

Rispetto alla vecchia telecamera questa nuova YI presenta un supporto adesivo marchiato 3M, spero quindi in una notevole longevità dello stesso, supporto che permette un rapido sgancio come potrete vedere dal video qui sotto, e che ci consente di ottenere la migliore angolazione possibile.

La dash cam si presenta con un aspetto che ricorda molto le ben più blasonate Go Pro ma ovviamente non hanno nulla in comune e la finalità di utilizzo è completamente differente, la Go Pro nasce per riprendere quanto più fedelmente possibile un momento di divertimento, un’azione particolare, le dash cam sono delle video camere di sorveglianza da auto e come tali devono funzionare sempre e costare poco.

Come dicevo costruttivamente si tratta di un buon prodotto con materiali al tatto davvero buoni, interessante anche il fatto che sulla cam siano presenti ampie prese d’aria per poter ventilare l’interno della stessa durante le calde giornate estive quando rimarrà gioco forza esposta al sole. Sul retro oltre all’ampio display da 2,7″ sono presenti anche quattro pulsanti da utilizzare per le varie funzioni. Su di un lato è presente lo slot per la micro sd con compatibilità fino a 64 GB classe 10 da formattare in FAT32 (operazione che può essere eseguita dalla cam direttamente) e sull’altro lato è presente invece la presa microusb per l’alimentazione; assente invece una porta HDMI per l’uscita video onestamente inutile in simili prodotti.

La cam offre diverse risoluzioni ovvero 1920 X 1080 P30, 1920 X 1080 P60 e 2304 X 1296 P30, un apertura da F 1.8 e un angolo di visuale di 165° ; purtroppo l’effetto fish eye è un po’ troppo accentuato a mio avviso ma alla fine le riprese sono comunque molto buone e la leggibilità di particolari come le targhe delle vetture è davvero buona.

Ovviamente la cam può registrare anche l’audio, opzione che può essere disattivata dalle impostazioni, può registrare eventi derivanti da urti accidentali automaticamente oppure può salvare in una registrazione distinta gli ultimi 10 secondi se premiamo il pulsante rosso REC. Tramite il piccolo display possiamo comunque rivedere le registrazioni salvate sulla SD anche se è decisamente più pratico utilizzare l’app che andremo a collegare tramite connessione WiFi.

Tramite l’applicazione, scaricabile anche direttamente dal Google Play Store o semplicemente scansionando il QR code proposto dalla cam stessa.

L’applicazione ci consente di gestire tutte le impostazioni della cam, quali risoluzione, attivazione registrazione audio, impostazione data e ora, ecc. ecc. insomma tutto quanto può essere gestito più velocemente e soprattutto facilmente tramite smartphone. Inoltre dalla app possiamo scaricare i video che ci interessano senza dover quindi ricorrere a cavi e senza dover estrarre la MicroSD per poterla leggere dal PC.

Un’altra cosa positiva, soprattutto in ottica durata della cam, è la possibilità di disattivare lo schermo dopo un primo periodo di accensione, il tutto per ridurre ulteriormente possibilità di riscaldamento e inutili consumi del piccolo display che viene così salvaguardato in termini di durata appunto.

Veniamo ora al piccolo extra di questa cam e al motivo per cui viene inserita la parola “Smart” nella sua denominazione, questa dash cam infatti contiene anche un software per la gestione delle funzioni ADAS (Advanced Driving Assistance System) che si traduce nella comunicazione tramite avvisi sonori e visivi sul piccolo display quando siamo troppo vicini al veicolo che ci precede e quando superiamo la linea di mezzeria. Devo dire che dalla prime prove fatte il sistema non è proprio esente da difetti, in città risulta quasi inutilizzabile, la distanza dal veicolo che ci precede viene gestita male anche perchè non essendo dotata di sistema GPS proprio non è in grado di valutare nel migliore dei modi la distanza di sicurezza, questo mi ha portato a disattivarlo durante i percorsi cittadini per evitare di ritrovarmi con un continuo susseguirsi di avvisi e comunicazioni di possibili situazioni di pericolo anche laddove non c’era alcun pericolo e la distanza di sicurezza era rispettata correttamente. Sicuramente l’opzione ADAS è più performante in contesti diversi come quello autostradale quindi mi riservo di utilizzarlo in tali momenti, in ogni caso per la cifra spesa si tratta di un ottima aggiunta che rende questa piccola cam davvero notevole.

Veniamo infine all’aspetto più rilevante, come sono le riprese? beh devo dire che l’ottica Sony da F 1.8 di apertura fa un lavoro davvero egregio, con riprese sempre nitide e un ottimo adattamento a situazioni di luce e buio. Come anticipavo sopra i dettagli sono nitidi e le targhe delle vetture di controparte sono perfettamente leggibili, nel traffico cittadino, ambito dove simili particolari sono più rilevanti, è sicuramente perfetta.

La possibilità di scegliere tra diverse risoluzioni e aggiunta o meno dell’audio ci permette di avere poi una discreta scelta anche in merito alla quantità di giorni che vogliamo salvare sulla nostra MicroSD, prerogativa non sempre disponibile in prodotti di così basso costo.

In aggiunta devo dire che l’installazione è davvero minimale e rende il tutto meno invasivo rispetto ad altri prodotti con ventose e sistemi di suzione della stessa che sono gioco forza più grandi e spessi.

In questo modo sono riuscito a lasciare la dash cam completamente nascosta dietro allo specchietto retrovisore interno nascondendala alla vista e cercando di creare un’installazione quanto più pulita possibile non fosse per il cavetto di alimentazione sarebbe praticamente perfetta :-D.

Qui trovate anche un video dell’unboxing e di alcune riprese video fatte dalla dash cam alle varie risoluzioni e in vari momenti compresa una situazione meteo avversa che dimostra la bontà del prodotto.

YI Smart Dash Cam – Unboxing e mini recensione

Dual dashcam da moto

cinquantanni anni sono sempre una bella tappa, e per questa tappa speciale mi sono fatto regalare da moglie e figlio la dashcam da moto, anzi una dual dashcam (con due camere una davanti e una dietro) che deve servire in caso di sinistro, ma visto che la qualità delle riprese dovrebbe permetterlo, anche per diletto e poter rivedere alcuni passaggi delle mie gite in moto.

Visto che nella mia ricerca di questo prodotto non ho mai trovato recensioni in italiano, soprattutto su youtube, ho pensato di farne una per poter essere in qualche modo d’aiuto ad altri utenti come il sottoscritto.

Ho quindi realizzato un video che riguarda l’unboxing del prodotto e un piccolo e veloce test dello stesso, utile più che altro per capire il funzionamento dello stesso, seguirà un secondo video con annesso articolo del blog relativo all’installazione delle due camere e della relativa centralina sulla moto e test su strada delle registrazioni così da poter spiegare a tutti come funziona questo prodotto (e di conseguenza altri similari).

Fonte Amazon

Il modello scelto è la Vsysto B2F acquistata tramite il solito Amazon, anche per avere l’opportunità di restituirla senza sbattimenti in caso di problemi, e prevede il seguente contenuto:

  • Centralina di controllo con schermo da 3.0″
  • due videocamere con ottica Sony a 1080p e 140° di visuale
  • un’antenna GPS per tracciare posizione e velocità
  • un trasformatore per collegare il tutto all’alimentazione del mezzo
  • un comando da manubrio
  • diversi cavi, prolunghe e supporti utili a installare tutto l’ambaradan sulla moto
Il contenuto della confezione nel dettaglio

Devo dire che la qualità dei vari connettori, soprattutto quelli delle videocamere, mi è parsa ottima e ben fatta, così come ottimi sono anche i relativi supporti delle stesse che unitamente alla piccola guaina in gomma intorno al corpo della camera consentono un fissaggio sicuro e solido dove meglio crediamo sulla moto.

Sicuramente sarà molto comodo anche il GPS e il pulsante per il controllo remoto dell’unità, visto soprattutto che quest’ultima finirà sotto la sella per evitare inutili esposizioni alle intemperie e perchè non ho assolutamente voglia di avere una possibile distrazione sul cruscotto della moto.

Video Unboxing e primo test

Come potrete vedere dal video la centralina è molto compatta e se riposta nel sottosella (magari in una custodia che dovrò inventarmi visto che è prevista) diventerà de facto invisibile ma pur sempre raggiungibile tramite collegamento wifi dal proprio smartphone.

Adesso devo solo aspettare che smetta di piovere per poter procedere con l’installazione sulla moto di tutto il sistema, prima in versione di test, per capire dove posizionare correttamente tutto (due cam, antenna GPS e comando remoto) e successivamente in versione definitiva smontando serbatoio per far passare i cavi verso il cruscotto e la camera anteriore e anche l’eventuale smontaggio di qualcosa sul retro se necessario.

Appena pronto vi aggiornerò con il secondo video sperando di riuscire per la prossima settimana.

Dashcam, utile ed economico testimone

Oggi l’articolo sarà breve, ma ci tengo a segnalarvi un prodotto che sicuramente non tutti conoscono e che onestamente penso dobbiate avere installato in macchina ma anche sulla moto se possibile.

Si tratta delle Dashcam, piccole telecamere sempre alimentate che registrano in continuo quello che succede davanti al muso della vettura (in alcuni casi anche dietro) e che permettono quindi di avere un testimone neutrale che può certificare cosa è successo alla vostra vettura.

Ne ho comprata una più per gioco che altro ormai più di un anno fa per pochi euro, circa 7, e il prodotto arrivato era davvero di qualità scarsina però tutto sommato il suo dovere lo faceva. Più recentemente ho cambiato prodotto acquistandone una più recente sempre a basso costo e la qualità devo dire è un po’ migliorata, la pecca rimangono le riprese notture dove la telecamera fatica ancora un po’ ma onestamente la dinamica di un eventuale sinistro dovrebbe essere comunque intuibile.

Dashcam con dotazione

Ci sono comunque prodotti decisamente migliori che si possono acquistare sui soliti canali come Amazon o Aliexpress a cifre davvero risibili, parliamo di ottimi prodotti che partono già dai 20 euro ma volendo investire un po’ di più si possono spendere anche 40/50 euro per avere prodotti già migliori in molti aspetti e magari configurabili tramite le app proprietarie via rete wifi.

Insomma con pochi euro potete acquistare e installarvi da soli un sistema di registrazione che vi consentirà di avere sempre qualcuno che possa testimoniare a vostro favore, chiaramente se avete ragione, perchè se passate con il rosso quello che viene registrato è meglio non utilizzarlo allora 😀