Microsoft e le occasioni perse

Mi ricollego all’articolo fatto qualche giorno fa dove mi domandavo, ma sul serio eh, chi lavorasse alla Microsoft per segnalare come è proseguita la vicenza sia per quanto riguarda il supporto fornito da MS stessa tramite uno dei suoi canali social, sia per quanto riguarda l’app oggetto della diatriba ovvero Outlook Mobile.

Allora dopo qualche tentativo andato a vuoto di far funzionare l’app Outlook sul mio Note 10+ ho deciso di rinunciare per un po’ di tempo sperando in qualche aggiornamento. Dopo una 15 di giorni e dopo aver visto che c’era stato almeno un aggiornamento ho deciso di riprovare, reinstallo l’app e trovo altri problemi, oltre alla solita impossibilità di aggiungere immagini, a questo giro non riesco più a utilizzare una delle funzionalità per cui insistevo a provare Outlook ovvero lo swype laterale per postporre gli avvisi delle email con date e orari personalizzati (sull’app Email di Samsung tale funzionalità ha parametri preimpostati e non modificabili e onestamente è quasi inutile così).

In pratica dopo un paio di tentativi riusciti l’app non mi permetteva più di fare swype a destra o sinistra se impostavo in tale posizione la funzionalità Postponi.

Decido di contattare il supporto clienti che avevo già contattato tramite twitter in precedenza e mi invitano a fare dei tentativi, a riavviare il telefono (giuro come sul PC spegni e riaccendi….) e altre cose davvero senza senso, non ultimo dubitare della possibilità che il mio terminale possa far girare il loro software, manco stessimo parlando di Autocad….

Per tacere della soluzione proposta per inserire le immagini nella firma: “Potresti inviare la firma tramite e-mail e quindi copiarla e incollarla nella casella della firma dell’app Outlook (funzionerà con alcune delle immagini, ma non con le GIF)” ma non è detto che funzioni precisa poi il supporto MS…. vi rendete conto, l’immagine non è supportata ma prova a copiarla e incollarla che non si sa mai… si va per tentativi in pratica.

Il tutto condito dalle solite frasi di circostanza che onestamente alla lunga sanno più di presa in giro che di premura verso il cliente perchè se a ogni passaggio ti dicono “Ciao Giuliano capisco come tu ti senta e ci scusiamo per il problema” alla 3 o 4 volta ti girano dai.

Insomma una situazione che aveva del surreale, risolta alla fine in modo semplice e rapido, ho chiuso la richiesta di supporto segnalando che avrei fatto definitivamente a meno della loro app e mi sono rimesso a utilizzare Zoho Mail, che funziona sempre, che mi consente di inserire allegati in mille mila modi senza creare problemi e che è decisamente affidabile e che sincronizza la firma con i server quella presente sui server Zoho (non devo nemmeno scriverla sul telefono quindi).

Al solito si tratta dell’ennesima occasione persa per MS che si perde in mille rivoli senza riuscire da un lato a gestire seriamente una richiesta di supporto, per esempio dicendo banalmente “no la firma è solo di testo e fattela bastare” sarebbe stato più onesto e dall’altro lato non riesce a sviluppare un app che sia davvero degna del brand che rappresenta. Stiamo parlando di chi sviluppa Windows, Office …. possibile sia così difficile creare un client email per Android che semplicemente funzioni?

Ma alla Microsoft chi ci lavora?

Dunque partiamo da un assunto, io adoro moltissimi prodotti di mamma Microsoft, come tanti prodotti di casa Google e tanti altri degli amici di Apple, ma mi rifiuto di subire “supinamente” certe minkiate quindi quando ce vo’ ce vo’ come diceva mia nonna.

Nei giorni scorsi mi sono deciso a passare sul pc alla suite office, il motivo è più la voglia di uno standard riconosciuto ovunque, il fatto che tutto sommato Outlook per PC è decisamente migliorato (la ricerca finalmente funziona come si deve ad esempio) e si integra decisamente meglio con il Sistema Operativo (e grazie al picchio direte voi lavoro in ambiente win10 😀 vorrei anche vedere che non è così), la ricerca degli allegati da inviare via email è un must, l’ultimo file aperto te lo trovi subito lì senza dover aprire un’altra finestra di esplora risorse, insomma davvero tutto bene direi e il costo alla fin fine è ragionevolissimo.

L’altro vantaggio è lo sfruttamento dell’account per elevare lo spazio su Onedrive (app davvero ben fatta devo dire, forse l’unica che tiene discretamente testa a Dropbox) per i file di lavoro, ora ho più di un tera di spazio utile e posso dimenticarmi di cosa archivio e cosa no, salvo tutto e fine dei pensieri. Inoltre posso installare la suite su 5 device e in casa ce ne sono solo 3.

Fino a qui tutto bene, anche l’integrazione con la suite mobile di Office è sicuramente un punto a favore, lavora benissimo e si vede. Ed è proprio con la parte mobile che son nati i dolori, nonostante il client Samsung del mio Galaxy Note10+ funzionasse benissimo ho deciso di provare di nuovo Outlook Mobile, beh tutto sommato non ho trovato difetti particolari anzi, anche qui l’integrazione con le altre app rendeva tutto piacevole, facile trovare il file appena aperto e inviarlo e via discorrendo.

Peccato che dopo una decina di giorni la magia sia finita. Eh già a questo punto l’app mi segnalava le email in arrivo correttamente ma il contenuto era sempre vuoto, vedevo il mittente, il destinatario o i destinatari e basta il resto era tutto vuoto “questa email è priva di contenuto”…. O_O

Poco male ho le altre app sempre pronte (tengo sempre installata Zoho Mail che alla fin fine funziona SEMPRE!) e la uso al volo per tamponare la situazione in attesa di capirci qualcosa, torno a casa, e verifico meglio ed effettivamente è un problema del client Outlook di Android.

Cerco in rete una soluzione, la trovo, reset dell’applicazione (in pratica il ctrl-alt-canc …. assurdo) vabbè ci provo, ma niente non è sufficiente, allora via cancello i dati di memoria riportando il tutto ad un installazione pulita e inserisco nuovamente i dati di accesso ai vari account.

Dopo averlo fatto tutto funziona correttamente per qualche ora e poi tac, altra email priva di contenuto… -_-

Decido di riattivare il client Email di Samung (ve lo consiglio se avete un Android) così da mettermi al riparo da eventuali casini, e di contattare il supporto clienti per capire se c’è per caso qualche hack utile per aggirare il problema, vado sullo store Google Play, cerco Outlook e vado giù sulle righe relative al supporto e trovo quello che vedete qui sotto….

Pagina dello store Google

Direi che c’è poco da dire … il sito web sopra indicato non è affatto meglio perchè rimanda alla pagina del proprio account Outlook Web ancora più assurdo se vogliamo…

Decido di descrivere questa mia scoperta su Twitter citando i vari canali che potevano essere interessati da questa cosa e ne nasce un tweet davvero incantevole … roba da terzo mondo se non stessimo parlando della più grande software house del mondo direi….

Alla fine mi dicono di contattare l’account twitter di Microsoft Aiuta, canale tutto italiano, a cui ho scritto sia in privato con un messaggio diretto che in pubblico, ad oggi sono ancora in attesa di un riscontro.

La cosa assurda è che se andate sulle pagine dello store delle altre app di casa Microsoft trovate spesso (non sempre ma davvero molto spesso) un indirizzo email dedicato che vi consente di mettervi in contatto con un supporto clienti, ad esempio la suite office (altrettanto gratuita) risponde all’email offandfb@microsoft.com, Teams oggi molto usato risponde a mstandstore@microsoft.com, Word (nonostante sia ricompreso nella suite office) ha un suo account di supporto officean@microsoft.com, e via discorrendo.

Insomma una delle app che potrebbe essere tra quelle più importanti per far breccia nei nostri smartphone ha uno sviluppo decisamente pessimo (alcune mancanze sono ancora troppo gravi ne avevo parlato qui) e non ha un minimo supporto per chi, cliente pagante per altro, vorrebbe usarlo nonostante tutto…

Sembra la mia amata Guzzi in mano a cialtroni che non hanno idea delle potenzialità che i loro prodotti hanno e che sono lasciati allo sbando più totale…. peccato.