Gadget USB comodi

Questo non è proprio una recensione anche perchè c’è proprio poco da dire in merito ai prodotti che sto per citarvi ma è solo una segnalazione che magari può tornare comoda a chi come me lavora con il pc e ha bisogno di perfezionare alcuni particolari che non sono proprio… perfetti ecco.

Nel caso specifico si tratta di due gadget economici ma molto pratici il primo è il lettore di impronte digitali della Benss.

Il blister contenente il piccolo dongle della Benss

Un dongle da collegare alla porta USB del nostro pc, un Lenovo Thinkpad E485 nel mio caso specifico, e che permette di avere le funzionalità di Windows Hello anche su pc che nativamente non la supportano.

Il dongle inserito in una porta USB

La comodità di utilizzare questo tipo di accesso è la sua velocità, utilizzando una tastiera esterna bluetooth difatti capita alle volte che la stessa non si colleghi immediatamente al pc, magari perchè anche la tastiera stessa è andata in standby per l’ovvio risparmio energetico e non risponde immediatamente ai comandi perdendo uno o due numeri del codice pin impostato durante la digitazione dello stesso.

L’utilizzo di Windows Hello, non presente su tutti i portatili in commercio, è di un efficacia disarmante, lo sblocco è immediato e velocissimo e ci troviamo immediatamente dentro al nostro OS preferito senza dover far altro che sfiorare il piccolo dongle USB.

Come visibile dalla foto il dongle una volta collegato alla porta USB sporge per meno di un cm, una misura davvero minima, al pari dei dongle per tastiere e mouse per intenderci, e la superficie di rilevamento per contro è ampia quanto basta per impedirci errori di lettura da parte dello stesso.

Inoltre le dimensioni di ingombro laterale del dongle sono tali da lasciare completo accesso all’altra porta presente sul lato del mio Thinkpad, c’è da dire che il mio Lenovo ha le porte USB molto ben distanziate e difficilmente gli utilizzatori che andranno ad occupare le porte finiranno per toccarsi, ma su alcuni portatili invece è la norma avere le porte USB molto ravvicinate, tanto da imporre utilizzi esclusivi di una o l’altra porta in funzione del prodotto che verrà collegato in una data porta.

Avvio di Windows 10 con dongle Benss UA002
Secondo esempio di avvio da sospensione

Nei due video qui sopra potete vedere come la velocità del lettura del lettore sia davvero fulminea, al pari, se non superiore, a quella degli smartphone che utilizziamo ogni giorno.

Il costo è davvero ridotto, su Amazon lo trovate a circa 25 euro è devo dire che si tratta di un bel prodotto davvero, questo unito al codice PIN direi che ci mette al riparo dai guardoni e ci consente di lasciare il pc a giro negli uffici frequentati dai colleghi curiosi 😀

L’altro articolo che vi volevo segnalare è un sempre da collegare ad una porta USB ma in questo caso parliamo della porta USB tipo C, si tratta di un banale angolo a 90° come quello mostrato in foto.

Presa a 90° verso il basso
Presa a 90° verso il lato

Si tratta di due angolari che mi permettono di girare il cavetto, invero molto corto, del dongle a cui collego i vari cavi del mio PC in modo da non costringerlo a una curva eccessiva.

Il dongle che collego tramite l’uscita usb tipo-c del mio Lenovo difatti mi permette di collegare al pc il cavo ethernet, l’alimentazione, l’HDD esterno da 500 gb per i backup, il cavo HDMI ed eventualmente anche microsd ed avanza anche una seconda porta USB tipo 3 che però al momento non utilizzo.

Il dongle nascosto sotto al supporto del portatile

Il cavetto usb che collega il dongle al PC come potete vedere voi stessi è molto corto, cosa comune a tutti questi apparecchi, cosa che per inciso non capisco visto che non sono l’unico in questa situazione da quel che ho letto. Il risultato era che il connettore doveva fare una curva particolarmente forzata per collegarsi alla porta tipo-c del portatile rischiando di rovinare il connettore, la porta o il cavetto stesso.

Con questo piccolo ed economico aggeggino ho risolto il problema, la curva ora non esiste più in pratica e le connessioni sono comunque tutte salve visto che sia il monitor, che l’alimentazione, che la connessione di rete che l’HDD esterno vengono rilevati ed utilizzati senza problema alcuno.

La connessione tramite curva 90°

I due connettori li trovate in vendita un po’ ovunque, al solito per comodità ho utilizzato Amazon dove si posizionano a circa 9 euro la coppia.

Buon divertemento e soprattutto buon lavoro.

Il tuo telefono ma anche il mio ;-)

Da quando ho il mio nuovo Lenovo come compagno di lavoro ho imparato ad apprezzare l’app di Windows 10 “Il tuo telefono“, un app che consente di accedere rapidamente ad alcune funzioni del nostro telefono direttamente dal pc senza dover toccare lo smartphone.

Tramite questa app potete accedere alle ultime 25 foto presenti sul pc, ricevere le notifiche dalle app, e rispondere tramite pc ai messaggi ricevuti. Inoltre è anche possibile interagire con il telefono facendo delle telefonate direttamente dal pc sfruttandolo quest’ultimo come vivavoce oppure potete visualizzare lo schermo del telefono direttamente sul pc comandando il telefono che magari è in un angolo a ricaricarsi.

La sezione messaggi

Insomma un’app davvero molto comoda sulla carta, inizialmente, a inizio 2019 ovvero quando ho iniziato ad utilizzarla, ho trovato molte criticità soprattutto nel collegamento tra pc e telefono che spesso non andava a buon fine. Ora dopo aver cambiato smartphone ed essere passato al Samsung Note10+ e dopo gli ultimi aggiornamenti della stessa devo dire che l’accoppiamento PC-Smartphone è decisamente migliorato sia per la gestione delle foto ma soprattutto per la parte notifiche, messaggi e chiamate.

Proprio oggi ho deciso di provare a utilizzarlo per delle chiamate vocali sfruttando l’audio del mio portatile (un Lenovo Thinkpad E485) e devo dire che è stata un’esperienza davvero piacevole, complice sicuramente il fatto che mi trovavo in un ambiente silenzioso.

La sezione chiamate

Insomma si tratta di un’app che soprattutto in ambito lavorativo può tornare davvero comoda consentendoci di accedere al nostro terminale senza doverlo collegare “fisicamente” al pc, per altro è possibile collegare i due dispositivi, pc e smartphone, non solo quando si trovano sotto la stessa rete wifi ma anche tramite rete dati, cosa per la quale ancora fatico a trovare una reale utilità ma che potrebbe tornar comoda per collaborare con il proprio ufficio quando ci si trova fuori sede.

Se proprio voglio trovargli un difetto ora come ora è dato dall’impossibilità di caricare più di 25 foto, limite che presumo sia dettato dalla volontà di non eccedere nella sincronizzazione tra i due devices. Speriamo che magari venga concessa la possibilità di gestire tale vincolo con le prossime versioni.

Io vi consiglio caldamente di provarlo, poi magari non lo userete mai, io per ora lo trovo comodo soprattutto per prendere al volo una foto dal telefono senza dover andare su google foto per scaricarla.